Il mare

 Ad otto chilometri al largo della Penisola del Sinis, circondata dal mare che ha la trasparenza dello smeraldo, sorge l’Isola di Mal di Ventre.

Appoggiata su un piede di granito e aiutata dall’erosione del mare, si genera una sabbia composta da grani di quarzo dai colori bianco, rosa e azzurro che caratterizzano buona parte delle spiagge del Sinis.

L’Isola di Mal di Ventre con le sue spiagge bianche e la macchia mediterranea che la copre è un ambiente ideale per i conigli selvatici che la vivono e habitat perfetto per gabbiani e uccelli che trovano nella sua vegetazione dimora ideale per nidificare.

San Giovanni di Sinis è un piccolo villaggio di pescatori, caratterizzato dalla Chiesa omonima paleocristiana del VI secolo a tre navate completata tra il IX e XI secolo. Proseguendo verso Capo S.Marco si trovano i resti di una delle più grandi città fenicio-puniche della Sardegna, Tharros.

Tharros è stata una roccaforte fenicia nel VIII secolo a.C. successivamente utilizzata dai cartaginesi nel VI secolo come base navale per il traffico di prodotti nel Mediterraneo.

Nel 238 a.C. Tharros passò sotto il dominio romano che durò fino al XII secolo. I resti della città, riportata alla luce negli anni '50/'60, si possono ammirare in tutto il suo splendore, completati dalla cornice paesaggistica che la circonda.

Le spiagge del Sinis

banner OFFERTA
Vai all'inizio della pagina

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate,
rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su COOKIES POLICY.